Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
This is Cosmos Country

This is Cosmos Country

Pagina italiana sulla squadra di "soccer" americana più famosa al mondo: I New York Cosmos

Cosmos, pareggio deludente

 Dopo aver affrontato Jacksonville tra le mura amiche dell'MCU Park ed aver espugnato il Kezar Stadium di San Francisco la settimana seguente, i Cosmos tornano il 6 Maggio ad affrontare gli Armada, questa volta sotto il sole della Florida. Soddisfatto della crescita della squadra sia dal punto di vista del gioco che dei risultati Savarese manda in campo la fotocopia della formazione vincente nella Parigi del West, ovvero Jimmy Maurer, Dejan Jakovic, Jimmy Mulligan, Ryan Richter, Darrius Barnes, Juan Guerra, Emmanuel Ledesma, Javi Marquez, Daniel Szetela, Andres Flores e Walter Restrepo, più una novità in panchina. Assieme a Brian Holt, David Ochieng, Eric Calvillo, Kalif Alhassan, Richard Menjivar ed Irvin Herrera, ricompare o capitao Carlos Mendes, finalmente con la squadra dopo un lungo infortunio. Mark Lowry schiera in campo Caleb Patterson-Sewell, Drew Beckie, Mechack Jerome, Devon Fisher, Kalen Ryden, l'ex Cosmos Jemal Johnson, Jack Blake, Zach Steinberger, il figlio d'arte J.C. Banks, Kevan George e Derek Gebhard. I 3811 presenti all' Hodges Stadium UNF, di proprietà dell'Università locale, hanno assistito ad una partita caratterizzata soprattutto dal gioco muscolare condito da una moltitudine di duelli aerei, tackle, e una moltitudine di falli, anche se la sproporzione di cartellini gialli appioppata ai giocatori in maglia biancoverde unita ai ben 6 minuti di recupero fanno venire più di un dubbio sulla reale imparzialità dell'arbitraggio. Al 6' del primo tempo Walter Restrepo, imboccato da Andre Flores tira di poco a lato, ma la risposta dei padroni di casa non tarda ad arrivare così cinque minuti dopo Darrius Barnes commette un fallo su Derek Gebhard e viene così ammonito. Ne segue un calcio di punizione per gli Armada ed un'azione pericolosa che Barnes fa terminare in corner. Jacksonville mette New York sotto pressione e Mechek Jerome, assistito da Jack Blake, tira da fuori area ma il pallone vola alto sopra la traversa. Tre minuti dopo sempre Blake imbocca Zach Steinberger che in area tira da sinistra ma il pallone è bloccato dalla difesa. Al 20' Drew Beckie prova a lanciare Jemal Johnson, ma il guardalinee alza prontamente la bandierina per segnalare il fuorigioco. Due minuti dopo ci provano i Cosmos ma stavolta è Walter Restrepo ad essere segnalato in posizione irregolare. Poco dopo Mechak Jerome commette fallo sullo spagnolo Javi Marquez. Ne scaturisce un calcio di punizione che l'ex capitano del Granada CF spedisce magistralmente in rete fulminando il portiere avversario con un colpo da maestro che sicuramente avrà fatto ricordare ai propri tifosi i tocchi di classe di Marcos Senna e Juan Arango. 1-0 per i Cosmos al 24' del primo tempo. L'arbitro però ammonisce il giocatore per eccesso di esultanza e per essersi tolto la maglietta mostrando un messaggio scritto sulla canottiera. Jacksonville torna subito all'attacco ma il tiro di J.C. Banks è troppo alto, New York ribatte immediatamente costringendo Mechek Jerome a concedere un calcio d'angolo. Jakovic, assistito da Ledesma prova a raddoppiare ma il suo tiro da centro area è troppo alto. Zach Steinberger e J.C. Banks si rendono pericolosi nella metà campo avversaria e la difesa biancoverde per fermarli a volte commette dei falli ma è solo al 34' che gli Armada si rendono sul serio pericolosi con Kalen Ryden che tenta un passaggio filtrante per Derek Gebhard ma la difesa avversaria fa scattare prontamente il fuorigioco. Proseguono in seuito le schermaglie nella metà campo di New York con gli attaccanti avversari che cercano di avvicinarsi sempre più all'area di rigore e i ragazzi di Savarese che li fermano in qualche modo a volte commettendo anche fallo e a volte sono gli stessi attaccanti di Jacksonville a commetterli facendo si che i newyorkesi guadagnino calci piazzati spezzando l'azione di attacco dei floridiani e allontandosi sempre più dalla loro metà campo. Al 42' Danny Szetela va vicinissimo al raddoppio quando, assistito da Ledesma tenta un potente tiro da appena fuori area costringendo il portiere Caleb Patterson-Sewell ad una parata magistrale mandando la palla in angolo. Jacksonville non sta a guardare e appena due minuti dopo Zach Steinberger si rende pericoloso in area avversaria ma il suo tentativo viene neutralizzato dalla difesa. L'arbitro concede due minuti di recupero e l'arbitro nelle battute finali ammonisce l'argentino Ledesma per un fallo su J.C. Banks dopodichè fischia la fine del primo tempo pochi istanti dopo mandando a risposo le squadre sull' 1-0 per gli ospiti. Comincia il secondo tempo e Derek Gebhard va vicinissimo al goal per Jacksonville, mentre appena un minuto dopo Walter Restrepo ci prova dalle 35 iarde ma il suo tiro per quanto potente si spegne a destra della porta avversaria. Jacksonville riparte all'attacco e guadagna un calcio d'angolo ma dall'azione in seguito non scaturisce nulla di concreto. Al 57' Darrius Barnes lascia il posto al capitao Carlos Mendes che finalmente torna a giocare dopo un lungo infortunio. Le schermaglie in area biancoverde continuano con Ledesma e Flores che a volte fermano gli avversari in maniera non consona prontamente segnalata dal direttore di gara che subito concede calci da fermo alla squadra di casa senza che però scaturiscano azioni realmente pericolose per i ragazzi di Savarese. Al 66' J.C. Banks prova a lanciare a rete Devon Fisher ma per il guardalinee la posizione di quest'ultimo è irregolare. Un minuto dopo è ancora la coppia Flores – Restrepo a fare capolino in area degli Armanda col salvadoregno che assiste il colombiano che purtroppo da una posizione abbastanza centrale tira troppo a sinistra mandando così il pallone fuori. Al 68' Savarese sostituisce Ledesma per Herrera, altro nazionale del Salvador, e un minuto dopo l'allenatore avversario Mark Lowry lo imita facendo entrare Charles Eloundou per Devon Fisher che si era fatto male pochi minuti prima. L'azione continua prevalentemente nella metà campo della squadra di Savarese con i soliti calci di punizione per falli commessi da ambo le parti per l'eccessiva foga dei difensori ospiti o degli attaccanti locali. Al 72' però da un fallo di Carlos Mendes nasce un'azione scaturita da un calcio da fermo che porta Mechak Jermone a presentarsi davanti alla porta di Jimmy Maurer, ma il suo tiro finisce alto. I Cosmos ripartono all'attacco ed al 75' è Irvin Herrera a commettere fallo nella metà campo avversaria su Zach Steinberger, ed appena un minuto dopo Flores fa altrettanto con J.C. Banks. Al 79' Irvin Herrera ci prova da fuori area mettendo alla prova i riflessi di Caleb Patterson-Sewell, che compie un'altra parata degna di nota deviando in angolo. Nel frattempo gli Armada sostituiscono Jack Blake con Jonathan Glenn, e Zach Steinberger testa la prontezza di Jimmy Maurer che è bravo a deviare in angolo. All'82' Walter Restrepo viene sostituido dal difensore David Ochieng, forse una mossa tattica di Savarese per assicurarsi il risultato. J.C. Banks commette fallo su Javi Marquez e viene così ammonito. Il calcio di punizione tirato dallo stesso Marquez che dalla lunga distanza va fuori di poco. Jacksonville torna prepotentemente in attacco e nel giro di pochi minuti guadagna due calci d'angolo uno dei quali per superba parata di Jimmy Maurer. All' 87' David Ochieng finisce sul taccuino del direttore di gara per un fallo su J.C. Banks che viene prontamente sostituito da Michael O' Sullivan. Al 90' Jemal Johnson prova a segnare il goal dell'ex ma il suo tentativo viene intercettato dalla difesa, e proprio in quel momento l'arbitro decreta ben 6 minuti di recupero, e proprio allo scadere, con una prodezza da lontano Zach Steinberger vanifica i sogni dei Cosmos di scalare la vetta della classifica fulminando l'incolpevole Jimmy Maurer e salvando le sorti della propria squadra che perde comunque il primato per via della vittoria in trasferta di Miami su Puerto Rico in zona Cesarini. Un finale amaro per i New York Cosmos che guadagnano comunque un punto prezioso contro una delle sorprese del campionato e che crescono di partita in partita. In più il ritorno del capitano Carlos Mendes sicuramente darà più esperienza e stabilità alla difesa ed è comunque una buona notizia visto tra le altre cose le numerose defezioni dovute ad infortuni e problemi personali. New York al momento galleggia al terzo posto al pari di San Francisco con 9 punti a soli due dai Miami FC, novelli capolista. Javi Marquez si rivela sempre più fondamentale per gli schemi di Savarese e tutto fa sperare che il veterano della Liga spagnola si fermi qui almeno per l'intera annata. Certamente è presto per paragonarlo al connazionale sebbene acquisito Marcos Senna, ma sebbene non abbia la stessa esperienza internazionale dei suoi predecessori, il centrocampista ha indubbiamente classe ed un'età, trentuno primavere, che potrebbe fare si che divenga una risorsa per i newyorkesi non solo per questo campionato ma anche per gli anni a venire. Certamente un campionato di seconda divisione in un paese che ha riscoperto lo sport più bello del mondo potrebbe avere uno scarso appeal, però il marchio Cosmos rimane un global brand e in più sicuramente il prossimo anno la Nasl si espanderà a dodici squadre rendendo il campionato così più avvincente. Nonostante si parli di una possibile fuoriuscita di Indianapolis e North Carolina, la lega potrebbe espandersi ad Orange County, Atlanta, San Diego, Arizona, Chicago e Detroit senza contare che la vendita dei Fort Lauderale Strikers ad un nuovo investitore che li farebbe così tornare in campo è in corso. Ancora nulla è certo ma dalle notizie che traspaiono da vari blog e siti di appassionati alcuni dei quali con stretti contatti con fonti autorevoli si evince una possibile crescita della lega dopo la contrazione di fine 2016. C'è un altro dato che fa ben sperare sulla permanenza dell'ex capitano del Granada CF nella grande mela, ovvero l'imminente dipartita dell'italiano Andrea Mancini. Il giovane di belle speranze era arrivato la scorsa stagione dai capitolini Washington DC United senza riuscire a scendere in campo e sperava di ritagliarsi uno spazio nella squadra più famosa d'America. Nonostante lo scorso anno fosse stato impiegato soltanto in uno scampolo di partita l'allenatore Savarese aveva deciso di puntare ancora sul giovane figlio d'arte che comunque durante la sua carriera non aveva brillato per numero di presenze e reti segnate. Una partita con la maglia dell'Oldham Athletic, una decina di presenze in Italia con il Fano in Lega Pro, tredici presenze in Spagna con la squadra riserve del Real Valladolid, undici gettoni di presenza con la celebre ma da decenni decaduta Honved di Budapest, un altro trasferimento in Ungheria nello Szombathelyi Haladas dove viene mandato in campo appena due volte e poi la MLS senza scendere in campo. Andrea Mancini aveva esordito in questo campionato scendendo in campo contro il Puerto Rico FC di Carmelo Antony, la stella dell'NBA e dopo quella pessima prova non era stato più considerato da Savarese, e proprio in questi giorni è arrivata la notizia dell'imminente separazione tra il giocatore, che secondo quanto si vocifera il centrocampista sarebbe in cerca di un ingaggio in Europa quando non addirittura nel Belpaese per avvicinarsi a casa. Una fonte molto vicina al giocatore ha affermato con le seguenti parole :”Non resterà a New York, sta cercando di avvicinarsi a casa”. L'interruzione del rapporto tra il giovane calciatore e la squadra più famosa d'America lascia libero un altro slot per l'acquisto di un calciatore straniero e si spera quindi che oltre alla permanenza di Javi Marquez possa essere resa pubblica la notizia dell'acquisto di un attaccante internazionale di peso che abbia da offrire più del nome e del passato illustre, magari durante la pausa tra la Spring Season e la Fall Season, che comunque per i Cosmos non ha mai significato riposare, tra gli impegni in Lamar Hunt US Open Cup che quest'anno li vedrà affrontare un ulteriore turno preliminare e quelli dovuti alle amichevoli estive. Due anni fa i Cosmos (ri)entrarono nella storia con la oramai leggendaria amichevole con la nazionale cubana a seguito del disgelo tra gli Usa e l'isola ribelle tutt'ora retta da una dittatura comunista. Lo scorso anno, visti i profondi rapporti tra la squadra newyorkese e la Liga spagnola data la presenza in squadra fino alla stagione precedente di Senna e Raul, la squadra più famosa d'America ha affrontato in quel di Las Vegas i baschi dell'Eibar in tour negli Usa in un match che terminò 2-2 grazie ad una di doppietta di Yasmani Duk con gli americani che vinsero poi ai calci di rigore. Quest'estate New York tornerà a essere ambasciatore internazionale e allo stesso tempo rafforzerà i suoi già radicati rapporti con la Liga disputando un'amichevole in Canada contro gli iberici del Valencia CF il 22 Luglio, mentre il 20 Maggio, in piena Spring Season lo storico sodalizio newyorkese disputerà un'amichevole internazionale in Arabia Saudita contro l'Al-Hilal, attuale campione in carica sotto la guida dell'allenatore Ramon Diaz, vecchia conoscenza del calcio italiano. La sfida si terrà nello stadio intitolato al principe Faisal, figlio del compianto re Fahd e coinciderà con la prima visita internazionale del presidente Donald Trump, per cui i Cosmos dovranno spostare la partita di campionato contro i canadesi Edmonton F.C.il 7 Giugno e giocare poi contro North Carolina appena tre giorni dopo, ma come si suol dire nella lingua di Voltaire noblesse oblige.  Anche questa partita ha un sapore di distensione viste le recenti polemiche nate dalla politica che il contestatissimo presidente Usa ha adottato verso i musulmani negando il visto ai cittadini di diversi paesi di fede islamica a scopo di prevenire il terrorismo. L'amichevole contro gli iberici del Valencia C.F. si terrà invece in Canada nel moderno Mosaic Stadium, casa della locale squadra di football militante nella CFL. La sfida contro la titolata compagine spagnola, prima partita di calcio in quell'impianto concepito per il football, servirà anche per capire se nella città di Regina c'è un reale interesse per il soccer, visto il recente lancio della nuova lega pro soccer canadese voluta fortemente dalla federcalcio locale specialmente dopo il ritiro dell'affiliazione all'attuale CSL per via dell'elevata  corruzione presente nella lega. Intanto la squadra più famosa d'America giocherà ancora sabato 13 maggio tra le mura amiche dell'MCU Park contro Puerto Rico in un match sulla carta facile ma dato l'elevato livello di competitività della Nasl non bisogna mai sottovalutare gli avversari. Oltre ad una sperata vittoria che migliorerebbe oltre al morale anche la posizione in classifica della squadra di Savarese dopo la partenza lenta dovuta soprattutto alla mancanza di rodaggio visti i problemi sopraggiunti poco dopo la vittoria del titolo Nasl 2016 si spera di vedere una nutrita folla di tifosi dei Cosmos ma anche di portoricani vista la massiccia presenza di emigranti e oriundi del paese che ha dato i natali a Jennifer Lopez, e da New York per ora è tutto

THIS IS COSMOS COUNTRY

Per Andrea Mancini si prospetta un'imminente partenza

Per Andrea Mancini si prospetta un'imminente partenza

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post