Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
This is Cosmos Country

This is Cosmos Country

Pagina italiana sulla squadra di "soccer" americana più famosa al mondo: I New York Cosmos

Cosmos, Miami FC sempre più lontani

New York è la città frenetica per eccellenza, dove il moto è perpetuo e non si dorme mai, dove se non vuoi affondare devi stare al passo senza perdere un solo attimo perché il tempo è più che mai prezioso, forse più del denaro. Anche i Cosmos, nonostante il loro marchio globale, il loro passato stellare ed il loro presente comunque glorioso devono sottostare a questa severa legge non scritta senza il privilegio di potersi cullare sugli allori col rischio di finire presto dimenticati in una città che fa dello sport e dell'entrateiment il suo stile di vita e metabolizza tutto alla velocità di un branco di piranhas affamati. Anche il campionato Nasl, per quanto ridotto a sole otto squadre contro le dodici della passata stagione comprende ben trentadue partite il che vuol dire che a volte si gioca di mercoledì e ancora di sabato o domenica, così dopo il risultato bugiardo a occhiali in casa contro i Deltas, il 4 Giugno New York è volata nella Carolina del Nord per affrontare i neo rinominati North Carolina F.C., squadra tra le fondatrici della lega conosciuta fino alla scorsa stagione come Carolina Railhawks e che ora è in lizza per entrare in MLS come in passato han fatto Montreal Impact e Minnesota United. Savarese ha mandato in campo Brian Holt tra i pali, che in questo periodo sta sostituendo Jimmy Maurer, Jimmy Mulligan e Ryan Richter come terzini di fascia, la coppia centrale Mendes – Jakovic, il venezuelano Juan Guerra come faro del centrocampo, coadiuvato dai centrali Marquez e Flores, Restrepo ed Ayoze nel ruolo di ali ed Irvin Herrera nel ruolo di puntero soltero. A disposizione di New York vediamo in panchina Maurer, Barnes, Ochieng, Calvillo, Sztela, Menjivar e Starikov. La squadra di casa schiera Silvestre, Miller, Marcelin, Ibehaga, Tobin, Shipalane, Albadawi, Akinyode, Laing, Da Luz e Fondy. Scaldano la panchina M. Robinson, Moses, Schuler, S. Robinson, Moses, Fortune e Shiver. Il pubblico al Wakemed Soccer Park si attesta sulle 4027 persone, il direttore di gara è Youne S. Marrachi. New York preme subito l'accelleratore e già nei primi minuti di gara si guadagna una serie di calci d'angolo e sia Herrera che Restrepo vanno vicini al goal. Per vedere la squadra di casa in area avversaria bisogna aspettare l'11' con Mattew Fondy che servito da Ty Shipalane calcia di poco a lato. I Cosmos non si fanno intimidire e riprendono la loro azione tambureggiante che li porta a guadagnare ulteriori corner ed alcuni calci di punizione inframezzati da piccoli falli commessi da ambo le parti che spezzano il gioco ma non stravolgono le posizioni con New York che attacca e cerca di andare in rete e North Carolina che si difende e cerca di giocare di rimessa sperando in un repentino contropiede. Al 21' si fa male Lance Laing e il direttore di gara concede qualche minuto affinché il giocatore si ristabilisca e appena tre minuti dopo viene pescato dal guardalinee in offside. Al 28' lo spagnolo Javi Marquez viene sostituito dall'ex nazionale Usa Danny Sztela, e poco dopo Mattew Fondy viene fermato in fuorigioco. La reazione dei biancoverdi non tarda con Juan Guerra che assistito da Restrepo manda in alto da posizione centrale al 31'. Il dominio dei Cosmos continua con una serie di calci d'angolo concessi dalla squadra di casa per evitare il peggio, il che la dice lunga sui rapporti di forza in campo, ed al 40' ci prova ancora Guerra che da fuori area manda un siluro che viene però intercettato dalla difesa casalinga. Al 43' Ayoze, che aveva in precedenza fornito l'assist a Guerra, tenta un passaggio filtrante per Irvin Herrera, ma il nazionale della Selecta viene colto in posizione irregolare. Due minuti di recupero ed il primo tempo finisce. Il tempo di farsi una doccia veloce e la seconda parte della tenzone incomincia con North Carolina che si rende pericolosa con Albadawi che imbeccato da Akinyode manda a lato, ma New York non sta a guardare ed al 49' Andre Flores cerca di lanciare a rete il connazionale Herrera ma il guardalinee solleva prontamente la bandierina. Un minuto dopo sempre Flores serve un pallone ad Ayoze che da posizione centrale tira in porta ma senza fortuna. New York non demorde e dopo alcuni tentativi andati a vuoto al 52' Restrepo riesce ad assistere Juan Guerra che da distanza ravvicinata tira ed fiocina il portiere avversario portando così il risultato sull' 1-0 per la squadra ospite. Due minuti dopo si infortuna Connor Tobin che viene prontamente sostituito da Kareem Moses. Al 57' ci prova Jimmy Mulligan ma il suo tiro è troppo decentrato e finisce sul lato destro. Al 60' North Carolina si fa viva in area avversaria, con Jakovic costretto a concedere un calcio d'angolo. Un minuto dopo Schuler entra in campo per Akinyode, ed al 62' a rendersi pericoloso è ancora Mattew Fondy grazie ad un assist di Steven Miller. La difesa biancoverde però fa buona guardia. North Carolina cerca di andare in pressing e di avvicinarsi così all'area avversaria, ma tutto ciò che ottiene è una serie di calci da fermo dovuti a falli dei difensori avversari che le permettono si di avvicinarsi all'area ma senza riuscire realmente a concretizzare il loro momentaneo possesso di palla. I Cosmos però sono bravi ad effettuare il contropiede, ed al 65' Ayoze tenta un passaggio filtrante per Herrera che viene però pizzicato in posizione irregolare. Un minuto dopo è lo stesso Ayoze a rendersi pericoloso cercando di sfruttare un passaggio di Juan Guerra. Al 67' Herrera cede il posto all'ucraino Starikov, al 68' Carolina si rende pericolosa con un tiro di Billy Schuler ma un minuto dopo è New York a replicare con un tiro del neo entrato Starikov che costringe il portiere avversario a una difficile parata. Al 72' Schuler manda la palla di poco fuori e subito arriva la pronta risposta dei Cosmos con Flores che va vicinissimo al goal ma il tiro si spegne per poco sulla destra della porta avversaria. Al 75' Starikov tira da distanza ravvicinata ma il pallone vola di poco alto. Danny Sztela commette fallo e viene ammonito. Quattro minuti dopo è Albadawi ad affacciarsi davanti alla porta di Brian Holt ma il suo tentativo termina sui cartelloni pubblicitari. Richard Menjivar sostiutisce Walter Restrepo e Brian Holt prende inspiegabilmente un cartellino giallo, forse per l'eccessivo tempo impiegato per il rinvio, North Carolina si riversa in attacco per cercare di raddrizzare le sorti della partita ma il tiro di Austin Da Luz nato da un calcio d'angolo concesso da Richter finisce alto sopra la traversa all'84. Jakovic concede un'altro corner, ma nulla di fatto. All'88' la squadra di casa sostituisce Steven Miller con Brian Shiver ed al 90' il direttore di gara decreta quattro ulteriori minuti di recupero che non cambiano però il risultato ed anzi l'ultima azione pericolosa è del giocatore newyorkese Eugene Starikov. New York porta i tre punti in cascina come si soleva dire un tempo, ma appena tre giorni dopo la squadra più famosa d'America affronta tra le mura dell'MCU Park i canandesi Edmonton FC, per recuperare la partita originariamente programmata il 21 Maggio ma posticipata per l'amichevole internazionale contro l'Al-Hilal. Per via degli impegni internazionali di alcuni giocatori impegnati con le rispettive nazionali Savarese manda in campo una formazione un po rimaneggiata con Holt tra i pali, Mendes, Barnes, Mulligan e Richter come quartetto difensivo, Juan Guerra come faro del centrocampo dietro la linea centrale composta da Ayoze, Sztela, Flores e Restrepo con Herrera come unica punta. Edmonton invece schiera Ingham, Watson, Nicklaw, Galvao, Diakité, Corea, Nyassi, Eustaquio, Zebie, Fisk ed Ameobi. A scaldare le rispettive panchine troviamo Maurer, Alhassan, Velela, Starikov, Menjivar, Marquez e Calvillo mentre per i canadesi presenziano Konopka, Ledgerwood, Khattab, Sansara, Shiels, Smith e Keegan. Gli spettatori presenti sono 3500, non male tenendo conto che è mercoledì sera. La partita è combattuta da subito coi canandesi che almeno a livello di gioco sembrano in netta ripresa rispetto all'inizio del campionato anche se vengono da una brutta sconfitta contro il fanalino di coda Puerto Rico. Salvo alcune folate d'attacco degli Eddies la partita è a senso unico, con i Cosmos che spadroneggiano in campo ma non sbloccano il risultato, a volte per sfortuna a volte per la bravura dei difensori e del portiere avversario. Il vantaggio di New York arriva alla fine del primo tempo dopo che il direttore di gara ha concesso un minuto di recupero con Irvin Herrera che finalmente marca la sua prima rete stagionale grazie ad un assist di Richter. Si va a riposo sull'1-0 e la partita sembra in discesa per i biancoverdi, purtroppo però in campo le cose saranno ben differenti. Per via anche di due espulsioni abbastanza sospette ai danni di Darrius Barnes e Juan Guerra i biancoverdi si troveranno sotto di due uomini e termineranno la partita soccombendo tra le mura amiche per 4-2. risultato molto bugiardo se si tiene conto che, dati alla mano, New York ha nettamente dominato sul versante del possesso palla dirigendo il gioco per il 70% del tempo, tirando in porta sedici volte contro la metà degli Eddies e vincendo buona parte dei contrasti, ma si sa nel calcio vince chi la butta dentro, e la cosa che lascia ancora più l'amaro in bocca è che questa sconfitta cocente è arrivata negli ultimi venti minuti, perché fino al 68' i Cosmos erano ancora in vantaggio per 1-0, ma dopo il pareggio ad opera di Sainy Niassy al 69' e il repentino vantaggio della squadra ospite al 72' grazie a Tomi Ameobi i biancoverdi subiscono un vero e proprio black out con le due espulsioni nel giro di cinque minuti ed il goal del nuovo entrato Jake Keegan a cui seguirà solo quattro minuti dopo il quarto goal canadese sempre ad opera di Ameobi. New York guadagna un rigore che purtroppo Javi Marquez sbaglia al 93' ma purtroppo prende il palo ma la palla rimane in gioco e Mauro Eustaquio commette un altro fallo in area con Ayoze che realizza e salva almeno in parte l'onore. A parte la deludente sconfitta peraltro ad opera di una squadra sulla carta facile da affrontare pesano i punti persi sulla capolista Miami FC quest'anno la lepre del campionato. Savarese in sala stampa ha bacchettato la squadra senza nascondere il suo imbarazzo :”Non lo so...abbiamo rinunciato a giocare, non siamo stati maturi. Abbiamo dominato la partita fino al 65' abbiamo creato occasioni, avevamo la partita in mano. Dovevamo solo segnare un'altra rete e invece ci siamo afflosciati. Abbiamo avuto un calo di attenzione e penso che non tutti quelli presenti in campo siano stati abbastanza maturi e loro han trovato la strada del goal”. Ma come già detto a New York non c'è tempo nemmeno per asciugarsi le lacrime a sabato 10 Giugno i ragazzi di Savarese sono scesi in campo sempre tra le mura amiche dell'MCU Park ancora una volta la compagine del North Carolina. Savarese rimette tra i pali Jimmy Maurer, Richter, Mulligan Mendes il capitano e Javi Marquez difensore centrale per la prima volta, Sztela e Menjivar come centrocampisti arretrati, Restrepo ed Ayoze sulle ali anche se in posizione un po meno larga rispetto al solito, con Starikov in centro a supporto dell'unica punta Herrera. In panchina presenziano Holt, Barone, Velela, Calvillo, Alhassan e Radjen prelevato dalla squadra B che molto bene si sta comportando nel campionato NPSL. Anche questa volta, della serie nemo profeta in patria, nemmeno questa volta i Cosmos sono riusciti a vincere acciuffando il pareggio all'84 con Kalif Alhassan che era entrato per sostituire Menjivar al 60'. Per la cronaca Irvin Herrera ha aperto le danze al 7' minuto grazie ad un cross di Ayoze che si sta dimostrando molto utile nella sua posizione originaria di centrocampista. All' 11' però pareggia North Carolina con Billy Schuler da azione nata da calcio d'angolo concesso dal portiere Jimmy Maurer già bravo a sventare un attacco avversario. Al 45' però arriva il raddoppio degli ospiti con Lance Laing, ex Minnesota United, che è bravo a sfruttare un assist nato da un calcio di punizione concesso da Ayoze. Come già detto purtroppo il goal dei Cosmos arriverà solo all'84' ed anche questa volta il risultato è bugiardo. Nonostante la formazione rimaneggiata tra infortuni, squalifiche e convocazioni da parte delle nazionali, New York non ha demeritato ed è stata anche un po sfortunata, basti pensare alla traversa di Flores al 63', la parata da manuale di Brian Silvestre allo scadere nei minuti di recupero ed il goal di Herrera annullato per un fuorigioco a dir poco sospetto. Anche questa volta New York ha dominato la partita ma non è riuscita ad andare oltre il pareggio perdendo così ulteriore terreno sulla capolista e venendo agganciata dai Deltas di San Francisco. Savarese però si è detto soddisfatto di come la squadra ha giocato al di là dei risultati e ha dichiarato che i suoi ragazzi stanno facendo rapidi progressi e si stanno sempre più avvicinando al tipo e modo di giocare che lui vorrebbe vedere in campo. Non dimentichiamo che per le ragioni che già conosciamo questi Cosmos sono molto diversi dalla squadra vincitrice del campionato Nasl della scorsa stagione. In più alla famiglia si è aggiunto l'attaccante argentino Pablo Vranijcan, già presente nell'amichevole in Arabia Saudita e con un passato interessante alle spalle, avendo militato nel campionato argentino con i Newell's Old Boys ma anche in quello cileno con le maglie di Rangers, Universidad Catolica, altre squadre minori ed un'esperienza nel campionato ellenico con la defunta AEK Kouklia. In più altre fonti vicine alla società danno per molto probabile l'arrivo di un altro attaccante in arrivo dalla Liga Spagnola, mentre l'arrivo di Totti, di cui già si parlava durante la scorsa stagione, è dato per quasi impossibile essendo il pupone già in trattativa con i floridiani del Miami FC che nonostante siano dati per molto papabile buen retiro dell'ex capitano dei giallorossi è tentato, o almeno così dicono, da offerte indecenti in arrivo da Emirati Arabi e Cina. Continuerà Irvin Herrera a segnare replicando la sua buona annata nel campionato USL con la maglia di St Louis? Tornerà Amauri? Risuscirà Vranjican ad inserirsi negli schemi di Savarese? Chi sarà l'attaccante spagnolo dato per vicino alla società? In attesa di nuove notizie e del match casalingo contro il Puerto Rico FC di Carmelo Antony da New York è tutto


 

THIS IS COSMOS COUNTRY

Sarà Pablo Vranijcan il nuovo top striker tanto atteso dai Cosmos?

Sarà Pablo Vranijcan il nuovo top striker tanto atteso dai Cosmos?

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post