Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
This is Cosmos Country

This is Cosmos Country

Pagina italiana sulla squadra di "soccer" americana più famosa al mondo: I New York Cosmos

Cosmos, verso il Soccer Bowl tra luci ed ombre

Il campionato Nasl si è appena concluso e le quattro semifinaliste si affronteranno a breve distogliendo per un po l'attenzione dalla brutta situazione della lega pro soccer attualmente sanzionata come seconda divisione Usa che potrebbe il prossimo anno disputare il campionato con appena otto squadre come fu nel 2013 quando i Cosmos, tornati in vita dopo quasi tre decadi vinsero il Soccer Bowl in quel di Atlanta contro i Silverback ora defunti. Oltre alla già programmata defezione dei Minnesota United che con le sconfitte, alcune delle quali impreviste, subite nelle ultime giornate della Fall Season hanno mancato l'accesso alle semifinali valevoli per il Soccer Bowl 2016 si sono aggiunte quelle impreviste di Tampa Bay Rowdies e Ottawa Fury, che lasceranno la Nasl per approdare nell'attuale terza divisione denominata United Soccer League, che da tempo foraggiata dalla MLS si è espansa a dismisura anche grazie alle squadre B della prima divisione e quelle convenzionate ai grossi club come ad esempio gli Swope Park Rangers, i Betlehem Steel FC e l'F.C.Montreal e grazie alla convenzione stretta con la MLS è diventata il viatico per accedere in caso si abbiamo cento milioni di presidenti morti da spendere più un soccer specific stadium di proprietà di almeno 15000 posti alla prima divisione Usa trasformata da Don Garber, che l'aveva presa in mano in uno stato quasi drammatico, in una macchina da soldi ed una presenza oramai irrinunciabile nel panorama pro sport americano. Le voci di una probabile defezione di Tampa Bay Rowdies ed Ottawa Fury si erano cominciate ad insinuare tra tifosi ed addetti ai lavori già a fine settembre, ma sono diventate quasi ufficiali il 23 Ottobre quando in panchina dei Rowdies sono comparsi oltre ad allenatore, riserve e staff tecnico anche i fratelli Papadakis, già ex calciatori della vecchia NASL ed ora alti papaveri della USL. Pochi giorni dopo quelle foto l'addio dei Rowdies e dei Fury è divenuto ufficiale lasciano così la Nasl con sole dieci squadre che potrebbero scendere ad otto se Fort Lauderdale Strikers e Rayo Oklahoma City non risolveranno i propri problemi finanziari, anche se almeno sulla carta entrambe le franchigie hanno espresso desiderio di voler iscriversi al campionato Nasl 2017. Il commissioner della Nasl Bill Peterson ha risposto con un laconico comunicato di circostanza nel quale lodando la flessibilità della propria lega ha fatto i migliori auguri alle due squadre prossime a cambiare lega pro soccer, anche se per i Fury si dovrà aspettare il nulla osta della federcalcio canadese che si esprimerà a riguardo i primi di dicembre, ed affermando che la lega è comunque in buona salute e che ci sono trattative serie con ben sei gruppi che a sua detta vorrebbero entrare a far parte della Nasl, lega nata con un nome glorioso e difficile e che rischia di fare la stessa fine per motivazioni simili. Mentre la vecchia lega omonima fallì per aver fatto il passo più lungo della gamba e le pressioni delle leghe pro sport più tipicamente americane come NBA, NHL, NFL e MLB, la nuova reincarnazione della lega pro soccer più famosa d'America rischia di scomparire per gli attacchi continui di MLS ed USL nel classico ed amaro sapore delle soccer wars americane che hanno lasciato dietro di se solo distruzione e desolazione. In questi tempi recenti oltre alla mancata espansione dei Virginia Cavalry, la Nasl ha perso gli Atlanta Silverbacks per via della nascita degli Atlanta United in MLS spalleggiati dagli Atlanta Falcons della NFL, i San Antonio Scorpions grazie all'arrivo in città della franchigia USL capitalizzata dai San Antonio Spurs della NBA denominata San Antonio FC con ambizioni di poter entrare in MLS tra qualche anno, ed i Minnesota United che hanno annunciato il passaggio nell'attuale prima divisione Usa già nel 2015 e che finalmente potranno realizzare il sogno del loro proprietario Bill McGuire con tanti saluti alla lega che aveva contribuito alla nascita ed alla sopravvivenza degli allora Minnesota Stars nati per sostituire gli storici Minnesota Thunder falliti poco prima la nascita della nuova Nasl e fatti nascere per volontà della lega stessa. Una delle poche notizie positive è l'arrivo il prossimo anno dei San Francisco Deltas che sembra stiano creandosi un buon supporto nella propria città e che stiano vendendo parecchi abbonamenti per il loro primo campionato, e nel mentre si aspettano notizie per quanto riguarda l'expansion franchise di Chicago, al momento alle prese con la ricerca di uno stadio adatto. Ed anche Matt Driver, CEO della lega pro soccer denominata ASL e proprietario dei redivivi Philadelphia Fury sarebbe interessato a spostare il suo sodalizio sportivo dalla ASL alla Nasl, in più Bill Peterson aveva annunciato non molti mesi fa che una cordata di imprenditori della Georgia voleva riportare in vita gli Atlanta Chiefs. Peterson aveva più volte dichiarato l'intenzione della lega di tornare nella capitale della Georgia, e se le parole fossero seguite dai fatti sarebbe un buon ritorno di immagine per la Nasl che riacquisterebbe credibilità agli occhi di tifosi ed addetti ai lavori. In più se Matt Drive dimostrerà di avere i requisiti e Peter Wilt troverà uno stadio per la sua nuova creatura ancora allo stato embrionale potremmo presto rivedere oltre ai Philadelphia Fury anche i Chicago Sting riaprendo così tre fronti che la MLS credeva di essersi aggiudicata definitivamente. In più restano ancora vive le voci riguardanti San Diego e Las Vegas. Purtroppo però queste sono solo supposizioni e speranze contro una cruda realtà che ha visto la squadra della capitale canadese lasciare la lega assieme agli storici Tampa Bay Rowdies, per volontà del proprietario Bill Edwards che vorrebbe in un prossimo futuro traghettare la propria squadra in MLS, anche in prospettiva di un derby con gli Orlando City. Tornando a parlare prettamente del campionato appena conclusosi le semifinali verranno disputate il 5 Novembre tra New York Cosmos ed il sorprendente Rayo di Oklahoma City che nonostante gli scossoni per il riassetto societario che hanno visto la Sold Out Strategies di Brad Lund abbandonare la società, un drastico ridimensionamento del front office e il campio di direzione tecnica, dal canadese Alen Marcina allo spagnolo Gerard Nus, sono riusciti ad agguantare il quarto posto valevole per giocarsi la propria chance di vincere il campionato approfittando di una ripresa durante le ultime partite di campionato aiutata anche dai passi falsi di Minnesota United, Miami FC e Fort Lauderale Strikers, così il prossimo sabato si giocheranno il tutto per tutto all'Hofstra Stadium contro quei Cosmos vincitori della Fall Season e del North American Soccer Trophy, Durante l'ultima sfida in quel di Yukon i ragazzi di Gerard Nus hanno avuto la meglio sui campioni in carica con un netto 3-0, mentre in casa la squadra di Savarese non è riuscita andare oltre al pareggio, ma considerando la posta in gioco e l'andamento di New York nelle ultime partite questa semifinale si annuncia tutt'altro che scontata nonostante il leggero vantaggio per i newyorkesi attribuito dai pronostici. Anche la sfida tra Indy Eleven ed F.C. Edmonton al Carrol Stadium si preannuncia carica di spettacolo e tensione. I canadesi sono una squadra senza stelle ma molto quadrata,affiatata e con alcuni giovani che se ispirati possono fare la differenza, mentre gli Indy Eleven sono stati la sorpresa del campionato Nasl 2016, trainati dall'attaccanto libico-irlandese Eamon Zayed, vice capocannoniere di lega alla pari di Juan Arango con quindici dentri. Sono da tenere d'occhio anche Justin Brown e Dylan Mares. Tornando a parlare della squadra di soccer più famosa d'America, durante le ultime due partite di campionato New York ha letteralmente demolito in casa i Miami FC dell'ex Hunter Freeman asfaltandoli per 4-0 davanti a 5800 festosi spettaori (ai quali verrebbe però da chiedere dove siete stati durante il resto dell'anno) con marcature avvenute tutte nel primo tempo ad opera di Jairo Arrieta che al secondo minuto di gioco mette a segno il suo settimo centro stagionale, seguita pochi minuti dopo dalla rete del venezuelano Yohandry Orozco che approfitta così dell'infortunio dell'italo-uruguagio Sebastian Guenzatti mettendosi in mostra per guadagnarsi la fiducia del tecnico suo connazionale Savarese. Al 30' ci pensa Juan Arango a fissare il risultato per 3-0 grazie ad un suo magistrale calcio di punizione, ma l'umiliazione per Miami non è terminata perché appena sei minuti più tardi Orozco firma la sua doppietta chiudendo di fatto le ostilità. Superba maniera dei Cosmos di congedarsi davanti al loro pubblico almeno per quanto riguarda la regular season e giornata da dimenticare per l'ex Hunter Freeman che oltre ad aver ricevuto un cartellino giallo ha visto anche i suoi oramai ex compagni sfoggiare il trofeo della Fall Season vinto anche grazie a lui ma del quale non può gloriarsi essendo passato al Miami FC a campionato in corso, a dimostrazione che i soldi non sono tutto. Il 29 Ottobre invece la squadra di savarese in formazione leggermente rimaneggiata si è imposta in quel di Blaine sui Minnesota United che hanno così salutato le residue speranze di poter accedere alle semifinale e chiudere col botto la loro militanza nella Nasl lasciando un po di amaro in bocca agli 8609 comunque festosi spettatori presenti sugli spalti. Savarese non avendo nulla da perdere ha cambiato leggermente il modulo di gioco con due centrocampisti arretrati e spostando in avanti la cabina di regia affiancata dalle due ali ed una punta sola. I giocatori entrati in campo per l'ultima partita del campionato Nasl 2016 sono stati nell'ordine Jimmy Maurer tra i pali con l'ancora non del tutto rodata coppia centrale Mendes – Ochieng con Ayoze sulla fascia sinistra e Jimmy Mulligan titolare per far riposare Richter sul versante opposto. La coppia arretrata di centrocampo è formata dall'esperto ex nazionale Danny Sztela – che tra le altre cose ha chiesto alla sua ragazza di sposarlo in pubblico la settimana prima – ed il govanissimo Eric Calvillo ancora ignaro di quanto stia per succedere. La cabina di regia è affidata allo spagnolo Ruben Bover con l'esperto nazionale del Salvador Andres Flores sulla fascia sinistra ed il boliviano Yasmani Duk in un inedito ruolo di ala destra. Anche il venezuelano Yohandry Orozco si cimenta in una posizione per lui insolita togliendo per un giorno il posto a Jairo Arrieta vestendo i panni dell'attaccante. Nonostante una partita dominata prevalentemente dalla squadra di casa che oltre la sfortuna e la bravura della difesa nonostante qualche sbavatura si è trovata davanti un Jimmy Maurer in gran forma che si eretto a muro vanificando i vari tentativi di Christian Ramirez, Stefano Pinho e soci. La vittoria infine arride ancora una volta ai New York Cosmos grazie alla rete del diciassettenne Eric Calvillo che mette così a segno la sua prima rete tra i professionisti grazie ad un assist dello spagnolo Ayoze passando così alla storia. Purtroppo però questa stagione nonostante il possibile finale glorioso ha un retrogusto amaro, sia per la brutta situazione che la Nasl sta vivendo, che per altri fattori quali il brusco calo delle presenze all'Hofstra Stadium nonostante il campionato di vertice, la dipartita a campionato in corso dello storico difensore Hunter Freeman ed altri pezzi pregiati quali Michael Lahoud, Gabriel Farfan ma soprattuto il croato ex Tottenham Niko Kranjcar, l'impossibilità di trovare uno stadio degno per il soccer bowl 2016 in caso i Cosmos dovessero avere la meglio su Oklahoma City, il che vorrà dire che se New York disputerà la finale dovrà farlo nel piccolo Belson Stadium, facendo così le nozze coi fichi secchi. Ma ciò che fa soffrire più di ogni altra cosa è la scomparsa dello storico difensore brasiliano protagonista dei soccer bowl 1977, 1978, 1980 e 1982 nonché compagno di Pélé nel Santos ed in nazionale Carlos Alberto Torres, stroncato da un attacco cardiaco il 25 Ottobre. Savarese e i suoi ragazzi dovranno vincere anche quest'anno sia per ripetersi nonostante tutti gli imprevisti e le difficoltà che per onorare la memoria del Capitao. Da New York per ora è tutto

 

THIS IS COSMOS COUNTRY

Con Carlos Alberto scompare un altro membro storico del periodo stellare dei Cosmos

Con Carlos Alberto scompare un altro membro storico del periodo stellare dei Cosmos

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post